Stati Uniti

5 cose da sapere su San Francisco

Sarà per i telefilm, per quell’aria un po’ europea o per il suo nome quasi “italiano”, San Francisco è una di quelle città che potrebbe confondere. I suoi tranelli però sono facilmente aggirabili. Basta leggere questa breve guida e partire con occhi curiosi.

leoni marini al Pier 39 di San Francisco

1. Lasciate in valigia gli shorts

San Francisco è una delle città più famose della California alla quale i nostri neuroni associano immediatamente occhiali da sole, surfisti col fisico stile Bronzi di Riace, shorts che non lasciano nulla all’immaginazione, palme a perdita d’occhio e spiagge incontaminate. Beh San Francisco non è proprio questo! Posizionata in una penisola tra l’omonima baia e il Pacifico, qua l’oceano mostra il suo lato più indomabile, il vento soffia spesso e le temperature calano.

Dotatevi di cappello, blazer e magari sciarpa o qualsiasi altra cosa che vi tenga caldi. Ma magari lasciate a casa i tanto inflazionati impermeabili-ombrello.

2. Prenotate da casa la visita ad Alcatraz

prigione di Alcatraz a San FranciscoImmersa nella nebbia e nelle correnti dell’oceano Pacifico, l’isola di Alcatraz sembra un’immensa cattedrale gotica.  Prigione di massima sicurezza, celebre per le fughe di Frank Morris e i fratelli John e Clarence Aglin, che scapparono attraverso l’impianto di ventilazione, per poi guidare una zattera fino alla costa dileguandosi come fantasmi tra la nebbia fitta, oggi è terra di nidificazione di diversi uccelli.

Arrivati al Pier33 è possibile imbarcarsi con l’unico tour che vi permetterà di entrare all’interno della prigione. Sono previsti tour giornalieri e notturni al costo di 36$ e 49$ rispettivamente. Unico “neo” scordatevi di fare i biglietti sul posto. I tour all’interno della prigione sono molto richiesti, per questo è necessario prenotare sul sito alcatrazislandticket.com con più di qualche giorno di anticipo.

cable car a San Francisco3. Utilizzate i mezzi di trasporto pubblici

Cable car, bus, metro, bici: a San Francisco non c’è davvero bisogno di noleggiare una macchina!

Salite su un cable car (al prezzo non economico di 8 euro) e fatevi trasportare per le salite e discese di San Francisco. Attraversate in bici l’imponente Golden Gate Bridge e rilassatevi con i colori dell’immenso Golden Gate Park. Passeggiate lungo il Pier e raggiungete i leoni marini che vi aspettano al Pier39.

4. Preparatevi alle contraddizioni

Nella città dove Jack Kerouac esaltò le figure marginali e dove nacque la beat generation a due passi dalla Silicon Valley è normale incontrare i lati estremi della società. Il vagabondaggio è totalmente “normale ed accettato” e gli incontri con gli homeless sono più che comuni. Qualcuno a prima vista potrà apparire bizzarro, ma nessun timore: solo un po’ di allegria in una città che di per sé è molto colorata.

5. Non sottovalutate le “attrazioni minori”

Alzi la mano chi sentendo San Francisco non pensa immediatamente alle Painted Ladies, al Golden Gate Bridge, ad Alcatraz o al Pier39.

Di certo queste attrazioni meritano la vostra attenzione, ma se vi resta tempo, e avete voglia di uscire dai tour più turistici, vi consigliamo il Tea Garden. Alla somma di 7$ (l’ingresso è gratuito dalle 9am alle 10am dal lunedì al venerdì) vi immergerete in un angolo di oriente in occidente. Ninfee, pagode in miniatura, stagni koi e ciliegi in fiore vi terranno compagnia in questa passeggiata rilassante magari sorseggiando del caldo tè giapponese.

giardino giapponese a San Francisco

6 Comments

  • Reply
    California e West Coast |
    Novembre 10, 2015 at 10:15 pm

    […] Prima tappa: San Francisco. Appena 2 giorni nella città dei leoni marini e del Golden Gate. Già sapevamo che a San Francisco il vento dell’oceano non dà tregua, per questo ci siamo attrezzati con giacche un po’ più pesanti che per il resto del viaggio potranno tranquillamente restare in valigia. Nonostante il freddo, ad un bella passeggiata tra i negozi e i leoni marini del Pier 39 proprio non si può rinunciare. Si ha anche il tempo per attraversare in bici il Golden Gate Bridge per raggiungere Sausalito, prima della cena in un simpatico locale anni ’50 dove ci divertiamo al juke-box con la musica dei Beach Boys e di Elvis. Il nostro hotel non è eccezionale, ma in un’ottima posizione: si trova su Lombard Street, a pochi isolati dalla famosa strada a zig-zag, dove vale la pena di fare un salto. Facciamo anche una passeggiata per il Financial District e Telegraph Hill, dove, soprattutto nel pomeriggio, basterà sedersi su una panchina per veder svolazzare centinaia di pappagalli tra alberi, strade e semafori. Poco distante c’è anche China Town, ma non ha nulla di più di un qualsiasi quartiere cinese presente in quasi tutte le grandi città. Se volete saperne di più, non perdetevi le 5 cose da sapere su San Francisco. […]

  • Reply
    italianoinamerica
    Gennaio 5, 2016 at 12:31 am

    Io non sono riuscito a vedere Alcatraz 🙁

    • Reply
      INtripPANDO
      Gennaio 5, 2016 at 11:02 am

      Purtroppo è necessario prenotare con largo anticipo 🙂 per questo rientra tra le cose da sapere prima di andare a San Francisco. 😉

  • Reply
    aondio
    Marzo 27, 2016 at 5:29 pm

    Molto interessante, la prossima volta che torno credo proverò a prentotare Alcatraz ed ad andare al tea garden 😉

  • Reply
    susannaballerini
    Novembre 10, 2016 at 8:34 pm

    Che bello questo post, così come i due precedenti che ho letto sulla California! È un mio grande sogno, poter visitare gli Stati Uniti…peccato non aver mai trovato qualcuno con cui farlo. Chissà, magari un giorno partirò da sola tenendo in mente queste vostre “mini-guide” 🙂

    • Reply
      Intrippando
      Novembre 13, 2016 at 8:17 pm

      Grazie mille! Il viaggio on the road sulla west coast è davvero meraviglioso, forse il più bel viaggio che abbiamo fatto finora. Da fare assolutamente nella vita!

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: